Istruttore - Jiàoliàn

Stefano Sciurti

Istruttore - Jiàoliàn

Stefano Sciurti nasce a Milano il 26 maggio del 1991. Fin da piccolo, grazie all’incoraggiamento dei genitori, pratica diversi sport quali nuoto, atletica leggera, basketball, ecc…

Nonostante il padre fosse un esperto praticante di Aikido, Stefano non viene mai spinto ad iniziare la pratica, se non dalla curiosità e dagli eventi che lo interesseranno nei primi anni di scuole superiori, confrontandosi con amici e compagni e sviluppando una passione sempre più forte.

All’età di 16 anni, dopo aver girato qualche palestra della zona, accompagnato dal padre, Stefano scopre i corsi del Maestro Marco Gamuzza. Affascinato da quello che succedeva in fondo alla palestra, dove si allenava il gruppo di allievi più esperti, decide di tornare per fare la classica lezione di prova, ma già convinto di volersi iscrivere.

Fin dalla prima lezione Stefano rimane colpito, entusiasta ed estremamente affascinato da quella realtà così piena dei misteri, di regole, fatica, prove da superare e rispetto.

Inizia così la sua Via nel Kung Fu, sostenuta dalle parole di incoraggiamento che il Maestro gli rivolse in una delle prime lezioni, e che non scorderà mai…

Dopo appena più di un anno diventa assistente del Maestro nei corsi dei bambini e dei ragazzi, stringe rapporti di fratellanza con i suoi compagni più esperti cercando sempre di superarsi e progredire nella pratica allenandosi assiduamente durante le ore in palestra ma anche da solo a casa, si interessa alla cultura orientale facendo viaggi, leggendo libri e frequentando diversi corsi.

Dopo poco tempo scorge quello che le arti marziali cinesi nascondono dietro i bellissimi movimenti esterni, inizia a partecipare agli stage e alle lezioni di Qi Gong, Tai Chi Quan e Qi Xie (armi tradizionali cinesi) cercando di non fermarsi solo alla parte più superficiale ma immergendosi in questo ambiente totalmente.

Nel 2013, parallelamente ai suoi allenamenti, inizia ad allenarsi in una palestra di tipo moderno, in cui si praticano diversi stili di lotta e combattimento sportivo, confrontandosi con atleti provenienti da altre discipline come il Pugilato, la Thai Boxe e la lotta Libera e MMA, aprendo quindi la mente ad altri schemi e possibilità di crescita. Qui conosce Alessandro Coppola, insegnante di Grappling (disciplina che unisce ogni genere di lotta a terra) e lo segue per circa un anno e mezzo, distinguendosi e vincendo anche competizioni a livello regionale. In questo periodo di ricerca Stefano partecipa anche a gare di Sanda (combattimento sportivo tipico degli stili di Kung Fu) ottenendo ottimi risultati.

Nel 2014 riceve dal suo Maestro la cintura grigia che lo eleva al titolo di Jiao Lian (istruttore), apre così un suo corso a Brugherio inizialmente diviso solo in due gruppi: adulti e bambini. Dopo solo un anno i corsi sono pieni e si decide di suddividere ulteriormente in base alle età per consentire un apprendimento più specifico e mirato, soprattutto per i ragazzi dai 7 ai 13 anni.

Nel 2016 Stefano supera l’esame ed ottiene la Cintura Nera, inizia così, sotto l’attenta guida del Maestro Gamuzza ad imparare i così detti stili superiori, ovvero gli stili interni di Kung Fu che da sempre pongono l’accento sulla qualità del movimento e il cambiamento della forza che viene espressa durante il combattimento e l’esecuzione di forme e movimenti, impara quindi l’ Yi Quan (Pugilato dell’intenzione) del GM Yang Lin Sheng, partecipando anche direttamente alle sue lezioni durante gli stage nazionali, approfondisce il Tai Chi stile Yang e studia anche il Wing Chun e il Tang Lang, famoso stile della mantide religiosa nelle sue versioni Shaolin e Qi Xing (sette stelle).

Nonostante la dedizione all’insegnamento continua a partecipare a gare ed incontri organizzati da ACSI e altri enti di promozione sportiva, nel 2019 vince due medaglie d’oro in una competizione di tecnica forme di stili Shaolin e di Tai Chi Quan.

Oggi Jiao Lian Stefano si allena a Paderno Dugnano con il suo Maestro ed insegna Kung Fu Shaolin in varie palestre di Brugherio, organizza lezioni gratuite ai centri estivi per ragazzi e corsi di difesa personale dedicati alle donne.

Novità

In un primo tempo serve a migliorare e dinamizzare la propria salute,
in un secondo tempo serve a tessere amicizie e relazioni sincere,
in un terzo tempo serve come autodifesa
nel malaugurato caso che si sia costretti a difendere se stessi o i propri cari;
infine, il Kung Fu serve per mutare il corso del Destino,
per trasformare la propria vita.
- Maestro Wang Xiang Zhai